L'Asset Strategico per Vincere in un mercato in Continua Evoluzione: la Reputazione Ambientale.

Cosa fanno le Aziende che stanno cambiando il Mondo?

I cinque investimenti per evitare le conseguenze dell’inaffidabilità ambientale!

 

In un mondo sempre più preoccupato per l'impatto ambientale, le aziende di trattamento dei rifiuti hanno l'importante responsabilità di contribuire alla sostenibilità.

Negli scorsi due anni il team della Nuovo s.r.l. ha portato avanti una vera e propria indagine sulle strategie, e soprattutto sui comportamenti virtuosi, delle migliori aziende nel settore delle soluzioni ambientali. In questa sede sintetizziamo il punto di partenza  di questa indagine con particolare attenzione al ruolo cruciale della reputazione ambientale.

Il successo lascia tracce: tre esempi di aziende di successo.

Questa indagine “alla ricerca dell’eccellenza” ha tenuto conto di molti parametri orientati al risultato, tra cui: le prestazioni  degli impianti nel lungo termine; l’efficienza nella gestione degli impianti; l’efficacia dei processi produttivi che riducono i costi e migliorano la redditività; una gestione finanziaria sostenibile; una cultura aziendale che includa sia obiettivi business che ambientali; la scelta dei business partners, etc.

Ecco le prime tre aziende di successo che il Team della Nuovo ha esaminato:

  • Waste Management è la società di trattamento dei rifiuti più grande del mondo, con sede negli Stati Uniti. L'azienda gestisce oltre 2.500 impianti di trattamento dei rifiuti in tutto il mondo.
  • Veolia è una società multinazionale francese che opera nel settore dei rifiuti, dell’acqua e dell'energia. L'azienda gestisce oltre 35.000 impianti in 70 paesi.
  • Republic Services è una società di trattamento dei rifiuti con sede negli Stati Uniti. L'azienda gestisce oltre 1.300 impianti di trattamento dei rifiuti in tutto il mondo.

Quali sono le  prove dei comportamenti virtuosi di queste aziende di successo?

L’esempio della Waste Management: l’impegno attivo.

Nel 2022, la società di trattamento dei rifiuti Waste Management ha annunciato un investimento di 1 miliardo di dollari in tecnologie innovative per ridurre le emissioni di carbonio. Inoltre ha reso noto che si è conformata alle nuove normative ambientali più stringenti dell'Unione Europea. Infine la Waste Management pubblica un rapporto annuale sulla sostenibilità che fornisce informazioni dettagliate sulle prestazioni ambientali dell'azienda.

L’esempio di Veolia: la conformità alle normative.

Nel 2023, anche la società di trattamento dei rifiuti Veolia ha annunciato che si è conformata alle nuove normative ambientali più stringenti dell'Unione Europea.

Veolia ha investito 100 milioni di dollari per migliorare la conformità ambientale dei suoi impianti. Inoltre ha sviluppato un sistema di monitoraggio ambientale per garantire che i suoi impianti rispettino le normative. Infine ha lanciato una serie di iniziative per ridurre l'impatto ambientale dei suoi impianti, tra cui l'utilizzo di energia solare e l'installazione di sistemi di recupero dei rifiuti.

L’esempio di Republic Service: la trasparenza nella comunicazione.

Nel corso del 2024, la società di trattamento dei rifiuti Republic Services ha in agenda una serie di incontri pubblici per discutere i piani dell'azienda per un nuovo impianto di trattamento dei rifiuti.

Republic Services ha sviluppato un programma per ridurre il consumo di energia nei suoi impianti. Anche la Republic Service collabora con le comunità locali per migliorare la gestione dei rifiuti. Ogni anno pubblica un rapporto sulla sostenibilità e  fornisce informazioni dettagliate sulle prestazioni ambientali dell'azienda.

L’oro verde: l’impegno ambientale.

Questi primi tre esempi dimostrano che le aziende di trattamento dei rifiuti che investono nell'impegno ambientale possono ottenere risultati concreti, sia in termini di riduzione dell'impatto ambientale che di miglioramento della reputazione.

Inoltre, i dati attuali confermano l'importanza della reputazione ambientale.

  • Un sondaggio condotto da Deloitte nel 2023 ha rilevato che il 72% dei consumatori è disposto a pagare di più per i prodotti e i servizi di aziende che si impegnano per la sostenibilità ambientale.
  • Un altro sondaggio, condotto da Accenture, ha rilevato che il 66% degli investitori considera la sostenibilità ambientale un fattore importante quando si tratta della scelta di un’azienda su cui investire.

Questi dati confermano che le aziende di trattamento dei rifiuti che vogliono prosperare nel lungo termine devono investire nell'impegno ambientale e nella costruzione di una solida reputazione ambientale.

La reputazione ambientale è fondamentale per le aziende di trattamento dei rifiuti per diversi motivi:

  • Aiuta a costruire la fiducia dei clienti, degli investitori e delle autorità perché i consumatori sono sempre più sensibili ai temi ambientali e sono disposti a pagare di più per i prodotti e i servizi di aziende che si impegnano per la sostenibilità.
  • Migliora le vendite e le entrate perché attrae nuovi clienti e permette di aumentare i prezzi senza perdere i clienti esistenti.
  • Riduce i costi di compliance perché si evitano le sanzioni e si riducono le spese legali perché le aziende che hanno una buona reputazione ambientale sono meno coinvolte in cause legali e                                   sono anche meno soggette a controlli da parte delle autorità.

Inoltre, la reputazione ambientale può aiutare le aziende di trattamento dei rifiuti a distinguersi dalla concorrenza e a creare un vantaggio competitivo. Questo vuol dire che le aziende di trattamento dei rifiuti che investono nell'impegno ambientale e nella costruzione di una solida reputazione ambientale riescono a  prosperare nel lungo termine e hanno più facilità nell’essere considerate leader nel settore.

La via maestra: i cinque investimenti

Le aziende leader nel settore, in Italia e nel mondo, hanno già adottato comportamenti virtuosi che si basano su cinque investimenti fondamentali:

  • Investimento in tecnologie innovative. Le aziende leader investono in tecnologie innovative che riducono l'impatto ambientale delle loro attività. Queste tecnologie possono includere soluzioni per il trattamento dei rifiuti che richiedono meno energia e/o producono meno emissioni inquinanti.
  • Investimento nell'adeguarsi alle normative. Le aziende leader sono consapevoli delle normative ambientali e si impegnano a rispettarle. Questo dimostra che sono imprenditori orientati alla sostenibilità e che hanno un approccio responsabile al business.
  • Investimento nel comunicare in modo trasparente con il pubblico. Le aziende leader comunicano in modo trasparente con il pubblico riguardo le loro attività ambientali. In questo modo dimostrano di essere aperte al dialogo e confermano di essere disposte a rispondere alle preoccupazioni della comunità.
  • Investimento nella scelta del partner. Le aziende leader scelgono partner che condividono valori  che includono sia obiettivi business che ambientali.
  • Investimento sulla solidità del proprio status ambientale. Le aziende leader investono nella costruzione di una solida reputazione ambientale. Questa è la chiave del successo comune a tutti i più grandi leader del settore.

Conseguenze prevedibili dell’inaffidabilità ambientale.

Come abbiamo visto le aziende  che trascurano questi aspetti, oltre ad essere destinate a perdere la fiducia dei clienti, degli investitori e delle autorità, compromettono lo sviluppo futuro della propria attività.

A questa prima parte dell’indagine bisogna aggiungere che purtroppo gli imprenditori che hanno rimandato queste priorità hanno dovuto fare i conti con alcune conseguenze negative prevedibili, tra cui:

  • Perdita dei clienti: Le aziende che vengono percepite come irresponsabili dal punto di vista ambientale rischiano di perdere la fiducia dei propri clienti e di vedersi diminuire le vendite.
  • Perdita degli investitori: Gli imprenditori che rovinano la loro reputazione ambientale aumentano le difficoltà nel raccogliere capitali.
  • Rischio normativo: Le aziende che non rispettano le normative ambientali possono essere sanzionate dalle autorità. Queste sanzioni hanno un impatto drammatico sui costi e sulla redditività dell'azienda.

       In conclusione.

Le aziende di trattamento dei rifiuti che investono sulla solidità del proprio status ambientale sono più propense a essere considerate leader nel settore e a prosperare nel lungo termine.

***

NOTA. Solo una volta al mese -- il primo mercoledì di ogni nuovo mese -- gli esperti della Nuovo srl offrono una consulenza di 30 minuti sulle pratiche che assicurano lo status ambientale necessario per prosperare in un mercato in continua evoluzione. Per fissare un appuntamento si può compilare il form sul sito www.nuovosrl.it  o si può chiamare il numero 3388960449.


cultura del recupero

La cultura del recupero

sostenibilità

Settembre 25, 2023|In sostenibilità|By Maurizio Tucci

In base alle stime elaborate dalla commissione Europea, mediamente in Europa vengono smaltiti in discarica oltre il 60 % di rifiuti prodotti. In altre parole, secondo questo dato, più della metà dei rifiuti che produciamo hanno come destinazione finale la discarica e, pertanto, non sono né recuperati né valorizzati.
Come potremmo favorire lo sviluppo della cultura del recupero?

Crediamo che ci siano molteplici strade per raggiungere tale obiettivo, ma volendo concentrare la nostra trattazione, parleremo di tre aspetti su cui riteniamo sia importante lavorare: la politica educativa, lo snellimento dell’iter burocratico e la politica industriale.

È raro che i bambini e i ragazzi si chiedano che fine facciano i rifiuti che producono. Per questo gli alunni delle scuole di primo e secondo grado devono essere introdotti alla tematica della destinazione finale dei rifiuti e devono comprendere il valore superiore del recupero. Per poterlo fare, il primo passo è dare la formazione necessaria ai docenti.

Un secondo aspetto da tener presente è che l’eccessiva burocrazia e la lungaggine delle procedure disorienta e scoraggia qualsiasi imprenditore. Pertanto, semplificare gli iter burocratici necessari per avviare il processo incentiverebbe la nascita di nuove attività imprenditoriali, di nuove tecnologie e di nuovi centri per il recupero.

schema a blocchi della cultura del recupero
la cultura del recupero

Anche la politica industriale dovrebbe promuovere la cultura del recupero e puntare sulla premialità per quelle aziende che svolgono attività di ricerca e continuano ad investire sull’innovazione attraverso lo sviluppo di brevetti.

Proprio attraverso le nostre attività di ricerca, abbiamo messo a punto diversi processi innovativi con l’acquisizione di due brevetti per invenzione industriale che permettono di affrontare le nuove sfide del mercato del trattamento rifiuti attraverso il rispetto dell’ambiente e il concetto di “GENERARE NUOVA RICCHEZZA”.

Per saperne di più sui nostri brevetti leggi i seguenti articoli:
Gassificatore Terraverde Energy
Hydro-Shocks e Soil washing